Il più grande dipinto in tela del mondo al SFMOMA

Come Julie Mehretu ha creato due dipinti più grandi d’arte contemporanea per SFMOMA( San Francisco Museum of Modern Art) la settimana scorsa nella hall del Museo di Arte Moderna di San Francisco (), avresti visto qualcosa di straordinario: una donna sospesa a mezz’aria su un meccanismo, che dava i tocchi finali al più grande e dipinti più ambiziosi della sua carriera. Julie Mehretu s’dittico HOWL, eon (I, II) (2017), che ha debuttato al SFMOMA il 2 settembre, è enorme. Ogni tela è alta 27 metri e larga 32 piedi – in altre parole, più grande dell’ultima cena di Leonardo o della scuola di Rafael di Atene. Insieme, essi sono più grandi anche di Michelangelo’s The Last Judgment . “È una cala storica: non è tipico dell’opera del nostro tempo”, dice Gary Garrels, curatore del museo della pittura e della scultura. “Anche i più grandi dipinti degli espressionisti astratti non erano più vicino a questa misura Creati come parte del nuovo programma di commissione dello SFMOMA, le tele specifiche del sito sono le prime opere che serviranno ad occupare le pareti mammut sopra la scala centrale del museo da quando l’edificio ristrutturato è stato riaperto lo scorso anno. Il viaggio dei dipinti a San Francisco è stato tanto leggendario quanto la loro dimensione. Per 14 mesi, Mehretu ha spostato il suo studio in una chiesa disattivata a Harlem per creare i dipinti. Era l’unico spazio che è riuscita a trovare che era abbastanza grande da ospitare le tele. Per completare i lavori l’artista di New York, nato in Etiopia, ha dovutoanche ridimensionare i suoi strumenti, trovando “alcune spazzole molto grandi e molto lunghe.06MEHRETUJP1-articleLarge

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Santino Amenta

Comments are closed.