GLI AUGURI PER IL 2018 di Titti Rizza

 

Taccuino 723

 

Siracusa 31.12.2017

 

IMG_2889 GLI AUGURI PER  IL 2018

 

Siamo a fine d’anno e come santa tradizione vuole  ci scambiamo gli auguri  per un felice anno nuovo.

I miei auguri:

1 ) il primo,che  non avvenga più che tanti nonni si mettano in pensione che vendano la casa dove abitano da una vita ,facciano un nuovo mutuo a 65 anni per andare  a comprare  un bivani  in una città del nord per stare vicino a figli e nipoti;  che’ figli e nipoti possano restare qui con noi  perché  hanno trovato  lavoro nella nostra terra: niente strappi alle redici!.

2 ) il secondo, che  le amministrative di primavera  ci diano un sindaco  che  rivolti questa nostra Siracusa come un calzino: si può morire di asfissia,senza che uno se ne accorga.

3 ) il terzo, che i neri che al semaforo ci chiamano papa’ per un soldino che gli regaliamo, trovino lavoro nella nostra terra e si integrino con noi;alla faccia di Salvini.

4 ) il quarto,ma doveva essere il primo, che i siracusani investano nella industria agro-alimentare: i nostri pomodori, i nostri piselli,le nostre arance, i nostri limoni debbono qui da noi essere trasformati in bottiglie di salsa,in surgelati,in aranciate e limonate : ci sarebbe lavoro e ricchezza per tutti ( questa  non e’ una mia idea ma di mio nipote Massimo Milazzo ).

5 ) il quinto augurio: che  cambi qualcosa alla Regione Siciiana,che si rendano conto che   il primo  problema di 5 milioni di  siciliani non e’ quello di  ridare  agli alti funzionari della Regione i vecchi stipendi che sono più alti in assoluto  di quelli del Presidente della Repubblica o dei giudici costituzionali.

6 ) sesto augurio,che l’Europa si svegli e comprenda che ha da svolgere un ruolo  in un mondo in cui sono cambiati gli equilibri del vecchio secolo;c’è di bisogno che la cultura cristiana dell’Europa dia un contributo fondamentale per la pace e per vincere la povertà dei vecchi e nuovi poveri.

7 ) settimo ed ultimo augurio,quello della pace nei nostri cuori e nelle nostre famiglie.

Titta Rizza

Comments are closed.