Agrigento: La Polizia di Stato promuove la campagna di sensibilizzazione contro il disagio giovanile.

Agrigento: La Polizia di Stato promuove la campagna di sensibilizzazione contro il disagio giovanile.

blue box

In data odierna 09 novembre 2017, presso l’Auditorium dell’Istituto Tecnico Nicolò Gallo, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione contro il disagio giovanile, progetto “BLUE BOX”, il Questore Maurizio AURIEMMA ha incontrato gli studenti del citato istituto unitamente a quelli della Scuola Media Rita Levi Montalcini, della Scuola Media A. Castagnolo e del Liceo Classico Empedocle. L’iniziativa, promossa in concomitanza con l’avvio del nuovo anno scolastico, vede la Polizia di Stato impegnata nella citata campagna di informazione e sensibilizzazione attraverso la promozione del progetto “BLUE BOX” che prevede appunto incontri con un’equipe costituita da personale della Polizia di Stato (Divisione Polizia Anticrimine – Ufficio Minori, Squadra Mobile, Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, Ufficio Sanitario Provinciale e Polizia Postale e delle Comunicazioni), specializzato nella prevenzione e contrasto al bullismo, al cyberbullismo ed a fornire indicazioni sull’suo consapevole delle nuove tecnologie.Dell’equipe fanno parte anche medici, psicologi e rappresentanti dei centri antiviolenza.Il progetto vuole sensibilizzare sia i giovani che gli adulti (familiari, insegnanti) sul tema del disagio giovanile, del bullismo e del cyberbullismo, affinchè si possano riconoscere ed individuare i segnali di malessere al fine di fornire indicazioni utili per un corretto utilizzo anche del web.Il suicidio rappresenta per i giovani di età compresa tra i 15 ed i 29 anni la seconda causa di morte; il disagio da cui scaturiscono i gesti anticonservativi spesso è riconducibile all’avere subito atti di bullismo, all’essere stati partecipi di tragici giochi di ruolo ovvero a stati di abbandono o contesti familiari di estremo degrado e problematicità.Durante l’incontro, è stato distribuito materiale informativo e, per favorire l’emersione del fenomeno e raccogliere eventuali segnalazioni, anche in forma anonima, sono state messe a disposizione delle cassette di colore blu, appunto le “blue box”. All’incontro sono intervenuti, altresì, il Primo Dirigente Dr. Vincenzo MACRI’, Dirigente del Compartimeno Polizia Postale e delle Telecomunicazioni “Sicilia Occidentale” di Palermo, la Dott.ssa Angela SPATOLA, Dirigente della Divisione Polizia Anticrimine della Questura e la Dott.ssa Gabriella SCHEMBRI dell’ASP di Agrigento.

 

Comments are closed.